Nuova Dashboard Google: Istruzioni per l’uso

martedì 27 Ottobre, 2015

Nuova Dashboard Google: Istruzioni per l’uso

Sei possessore di un account Google? Hai verificato le impostazioni di sicurezza?

Google ha rinnovato il pannello di amministrazione (Dashboard) per il controllo degli account di Gmail. Da Maggio 2015 è possibile gestire in un’unica applicazione web le svariate impostazioni che riguardano la sicurezza dei vostri dati personali. Nel dettaglio vediamo in pochi passi come utilizzare al meglio questo strumento.

La home page si suddivide in 3 sezioni principali che nello specifico sono:

• Accesso e sicurezza
• Informazioni personali e privacy
• Preferenze account

(Per agevolare gli utenti Google ha reso disponibile una procedura guidata per impostare le prime due voci step by step.)

IMMAGINE 1

IMMAGINE 2

Accesso e sicurezza

Una verifica nella voce controllo sicurezza vi permetterà di accertare il contenuto delle informazioni per il ripristino dell’account (mail e numero di telefono di recupero) in caso di smarrimento della password la procedura è rapida.

La sezione controlla i dispositivi collegati vi consente di stabilire quanti ingressi sono stati effettuati tramite browser web. In questo modo sarà possibile individuare eventuali tentativi di ingresso non autorizzati. La pressione del pulsante tutto a posto, conferma che gli accessi sono validi.

 

 

Infine potete esaminare la lista degli accessi alle app e ai siti web collegati all’account, per disattivare i meno sicuri andante alla voce controlla le tue autorizzazioni relative all’account.

IMMAGINE 3

Verificate periodicamente questa opzione per revocare i permessi con il pulsante Rimuovi.

Google ha una misura di sicurezza elevata per chi ha attivato da Gmail il download della posta elettronica attraverso i protocolli POP3/IMAP. Impostando l’opzione Disattiva l’accesso per le app meno sicure si nega l’accesso al server di posta a tutti i client ritenuti poco sicuri, quindi, nel caso si utilizzi un client per il download della posta, bisognerà lasciare l’impostazione Attiva.

IMMAGINE 4

 

IMMAGINE 5

Password e autenticazione a due fattori

Fattore di sicurezza rilevante è la scelta della password, difesa importante per preservare il vostro account. Il nostro consiglio è quello di comporre password lunghe e complesse composte da caratteri alfanumerici e possibilmente simboli, uniche per servizio e non condivise con terzi.

Un’ulteriore sicurezza si può ottenere utilizzando l’autenticazione a due fattori, essa consiste nell’inserire un ulteriore dato di accesso. Google procederà con l’invio di un codice sempre diverso tramite un’apposita app (Google Authenticator) o sms sul dispositivo mobile associato allo stesso account un po’ come avviene con certi servizi bancari.

Fine – Parte 1

Ultimi Articoli

ARXivar – Aggiornamenti sulla Conservazione Elettronica – 3 – 2022

giovedì 21 Aprile, 2022

Nel documento allegato sono trattati i seguenti argomenti:

– Estensione obbligo di fatturazione elettronica ai soggetti forfettari – Aggiornamento regole …

Approfondisci

Chiusura aziendale | 15 – 18 aprile 2022

mercoledì 13 Aprile, 2022

Gentili Clienti,

Vi comunichiamo che i nostri uffici rimarranno chiusi al pubblico da venerdì 15 a lunedì 18 aprile e …

Approfondisci

Perché scegliere SuiteCRM

venerdì 18 Marzo, 2022

COSA SIGNIFICA “OPEN SOURCE”?

Un CRM Open Source è un software per la gestione delle relazioni con i clienti, con …

Approfondisci

ARXivar – Aggiornamenti sulla Conservazione Elettronica – 2 – 2022

giovedì 10 Marzo, 2022

Nel documento allegato sono trattati i seguenti argomenti:

– Aggiornamenti sulla fatturazione elettronica europea – Nascita del fondo per la …

Approfondisci

ARXivar – Aggiornamenti sulla Conservazione Elettronica – 1 – 2022

mercoledì 2 Febbraio, 2022

Nel documento allegato sono trattati i seguenti argomenti:

Scadenze 2022 – Esterometro – Conservazione digitale documenti fiscali – Versamento imposta …

Approfondisci

Data Privacy Day 2022, l’Italia seconda in Europa per violazioni del GDPR

venerdì 28 Gennaio, 2022

Dal 25 maggio 2018, data di entrata in vigore del GDPR, l’Italia è 2ᵃ in Europa per numero di violazioni …

Approfondisci